Il melo, a prescindere dalla cultivar, è la specie più coltivata nel territorio etneo, soprattutto a medie ed alte altitudini.

La cultivar gelato cola è una delle più antiche cultivar autoctone dell’ area vulcanica. Oggi i coltivatori specializzati in questa  antica varietà di mela autoctona dell’ Etna, sono localizzati grosso modo nei comuni di Adrano, Santa Maria di Licodia, Zafferana Etnea, Biancavilla, Pedara, Nicolosi, Trecastagni e ovviamente Ragalna, dove anche noi coltiviamo in modo soddisfaciente la cultivar gelato cola. La gelato cola, rispetto alla cultivar cola, si distingue per una pezzatura leggermente superiore e un profumo più intenso.

Nella foto, possiamo vedere delle mele gelato cola ancora molto piccole. Sarà possibile infatti raccoglierle alla fine di Ottobre.

La fioritura, come abbiamo documentato in un altro nostro post, è appena terminata e il frutto inizia a svilupparsi.

Il frutto viene raccolto a fine Ottobre e quando la produzione è molto abbondante ricorriamo alla conservazione in celle frigorifere i donee alla conservazione delle mele. Questo ci permette di non dover buttare la produzione extra e avere un prodotto fresco fino anche a Marzo.

I nostri nonni, non avendo celle frigorifere, utilizzavano i fruttai, piccole strutture costruite in pietra lavica a secco, risorsa naturale inesauribile. Lì le mele venivano tenute fino a raggiungere la corretta maturazione per poi  essere portato giù in paese per la vendita o il consumo in casa.

 

 

Per conoscere alcune delle proprietà organoelettiche della mela gelato cola, vai al nostro dettaglio prodotto

La buona frutta dell’Etna